close
“Soltanto” raggiunge Catanzaro

“Soltanto” raggiunge Catanzaro

Mercoledì 26 giugno, presso il lido Moon beach, a Giovino, Matteo Terzi suonerà per la conquista di un sogno partito da molto lontano.

soltanto ok

Soltanto (Matteo Terzi) musicista di strada

Soltanto (vero nome Matteo Terzi) è soltanto un ragazzo che a 25 anni, laurea alla mano, ha cominciato a viaggiare alla conquista di un piccolo grande sogno: vivere soltanto della propria musica.

Nell’estate del 2010 lascia Milano, sua città natale, per avventurarsi in un lungo viaggio on the road alla scoperta dell’Europa. Parte senza soldi, in autostop, con uno zaino, una tenda e una chitarra. Unico obiettivo condividere la propria felicità (suonare) nella maniera più vera e diretta: diventare un musicista di strada.

Attraversa cosi’ città meravigliose come Lione, l’Ardeche, Montpellier, Perpignan, Vic, Girona, Barcellona, Tarragona e Madrid, per arrivare a Tenerife nel novembre del 2010.

Dopo sei mesi trascorsi in viaggio, dormendo in tenda fuori dalle città o ospite a casa delle persone che incontra lungo il cammino, decide di tornare in Italia e cominciare a suonare a Milano, perché “la musica è importante, ma altrettanto importante è condividerla con i propri affetti”.

Il suo piccolo “fenomeno” è sempre più diffuso in rete grazie al passaparola sui social network di grandi e meno grandi sempre più persone sparse per l’Italia gli propongono di andare a suonare nelle loro città, aiutandolo a organizzare le trasferte da Milano e offrendogli vitto e alloggio.

Nella primavera del 2012 Soltanto comincia quindi a viaggiare per il nostro bel paese, con l’obiettivo di portare la propria musica a questa “Italia migliore” che ha incontrato nel web. Da vita cosi’ a un road tour in cui attraversa le strade di Napoli, Torino, Cagliari, Bologna, Parma, Varese, Cremona, Santa Sofia, Rimini, Cesenatico, Lucca, Fabriano, Senigallia, Spoleto, Pisa, Cecina, Volterra, Avellino, Altavilla Irpina, Mercogliano, Alghero, Torre Grande e tante altre.

Terminato questo lungo viaggio arriva il momento di provare a mettere su disco tutte le esperienze vissute in questi anni suonando in strada. Ed ecco nascere una nuova sfida: riuscire a finanziare il primo disco di inediti in maniera completamente libera e indipendente, pagando ogni spesa ad esso relativa (registrazioni, missaggio, mastering, grafica, ecc) solo attraverso il libero contributo delle persone che vorranno supportarlo.

Decide quindi di aprire una campagna di raccolta fondi on-line e in soli 60 giorni raccoglie più di 10.000 euro, grazie al contributo di 308 persone.

Diverse sono le collaborazioni eccellenti che vanta questo lavoro: da Simone Chivilò (già premiato dal PIMI come “miglior produttore artistico del 2006” e chitarrista, tra gli altri, di Massimo Bubola), Diego Baiardi (pianista di Pacifico), Daniela Savoldi (violoncellista italo brasiliana con all’attivo collaborazioni, tra gli altri, con Muse, Alessandro Mannarino, Le luci della centrale elettrica) e Carlo Macri’ (percussioni e basso tuba della Banda Osiris).

Dal 25 di Aprile è in vendita nei principali digital stores (iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/le-chiavi-di-casa-mia/id620924147 Amazon: http://www.amazon.it/Le-chiavi-di-casa-mia/dp/B00BXQ6AYA/ref=sr_1_4 ie=UTF8&qid=1366877288&sr=8-4&keywords=soltanto+le+chiavi+di+casa+mia) mentre la copia fisica è ordinabile tramite e-mail all’indirizzo soltantocomunicazioni@gmail.com.

Da maggio 2013 Soltanto comincerà un nuovo tour per l’Italia, portando “Le chiavi di casa mia” (questo il nome del disco in uscita) nelle strade d’Italia, viaggiando a bordo di un piccolo camper.


Giornalista. Ho lavorato per diverse testate giornalistiche calabresi, tra cui Il Quotidiano della Calabria e Calabria Ora. Ho collaborato, inoltre, con alcune riviste ricoprendo il ruolo di corrispondente calabrese per Boxering (periodico internazionale di pugilato). Ho coordinato, per circa 3 anni, "Mentalità", la fanzine della Curva Massimo Capraro. Da sempre sensibile alle problematiche sociali e civili, mi sono occupato spesso di temi legati al lavoro, alla politica, al disagio sociale, ai movimenti di rinnovamento della società ma ho scritto anche di sport e spettacolo. Dall’ottobre 2008 sono un freelance. Nel 2009, insieme ad alcuni colleghi, decido di fondare questa testata giornalistica, di cui sono orgogliosamente al timone. Nel 2012, su questo portale, fondo Radio Popolare Catanzaro, un'emittente in streaming davvero interessante, ma avrà vita breve. Oggi più che mai penso che terramara, ribattezzata nel 2016 magazine d'informazione indipendente rappresenti al meglio la mia idea di giornalismo in movimento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *