close
Quando il turismo ha il suo stile…

Quando il turismo ha il suo stile…

STALETTI'. Tubi innocenti, pezzi di ferro, gomma, una barchetta, alcune sdraio, perfino un pollaio. E' quanto ritrovato sulla sponda del fiume Alessi e prontamente denunciato alle autorità competenti da un imprenditore locale grazie al quale ora conosciamo il nome dei responsabili di questo ennesimo atto di incivilà ai danni di un territorio ad alta vocazione turistica

Era stato bonificato appena un anno fa il letto del fiume Alessi, ma a distanza di quasi un anno c’è stato qualcuno che ha ritenuto di poter utilizzare una delle due sponde come pattumiera personale e deposito privato. A denunciare il deprecabile episodio di inciviltà, l’imprenditore catanzarese, Domenico Coraci, che lo scorso 24 gennaio, dopo aver effettuato un accurato sopralluogo personale, sul posto, e accertato la presenza di materiali di risulta (tubi innocenti, pezzi di ferro, gomma) un paio di pedalò, una barchetta, alcune sdraio, e addirittura un pollaio, ha ritenuto opportuno sottoporre all’attenzione dei carabinieri quanto visto e documentato nel servizio fotografico.

Lo stesso giorno, lo scrupoloso imprenditore si recava perfino presso la sede dell’Asp (Azienda sanitaria provinciale) per riportare i fatti sopra descritti e il giorno successivo metteva al corrente l’amministrazione privinciale, finanziatrice della bonifica eseguita l’anno precedente. 

Le denunce favevano scattare immediatamente il sopralluogo dell’Asp che non solo confermava quanto dichiarato da Coraci ma faceva emergere la precisa responsabilità  dell’hotel villaggio Poseidon, nota struttura alberghiera, in località Copanello, adiacente alla sponda del fiume Alessi che, “evidentemente -afferma Coraci con un pizzico di ironia – ritiene di essere propietaria di quell’area e di poterne disporre a proprio uso e consumo, ignorando – sottolinea ancora  – che le sponde del fiume, come il suo letto, ricadono interamente nel demanio fluviale e quindi non possono essere utilizzate per alcun uso privato”. 

Siamo alle solite! In Calabria c’è chi proprio non vuole saperne di abbandonare quella distorta concezione della cosa pubblica che ha fatto le rovine del nostro territorio e del turismo. Ancora più grave che certi comportamenti vengano reiterati da noti operatori turistici che dovrebbero dare l’esempio e invece…

La vicenda sembra riservare, nei prossimi giorni, ulteriori sviluppi


Giornalista. Ho lavorato per diverse testate giornalistiche calabresi, tra cui Il Quotidiano della Calabria e Calabria Ora. Ho collaborato, inoltre, con alcune riviste ricoprendo il ruolo di corrispondente calabrese per Boxering (periodico internazionale di pugilato). Ho coordinato, per circa 3 anni, "Mentalità", la fanzine della Curva Massimo Capraro. Da sempre sensibile alle problematiche sociali e civili, mi sono occupato spesso di temi legati al lavoro, alla politica, al disagio sociale, ai movimenti di rinnovamento della società ma ho scritto anche di sport e spettacolo. Dall’ottobre 2008 sono un freelance. Nel 2009, insieme ad alcuni colleghi, decido di fondare questa testata giornalistica, di cui sono orgogliosamente al timone. Nel 2012, su questo portale, fondo Radio Popolare Catanzaro, un'emittente in streaming davvero interessante, ma avrà vita breve. Oggi più che mai penso che terramara, ribattezzata nel 2016 magazine d'informazione indipendente rappresenti al meglio la mia idea di giornalismo in movimento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *