close
Quel “democratico” di Gheddafi!

Quel “democratico” di Gheddafi!

In queste ore il dittatore si trova in un bunker protetto dai suoi fedelissimi. Ma ha dichiarato più volte di non volersi dimettere. Ha ritenuto gli egiziani responsabili della rivolta in Libia e ha dato ordine di cercarli nel suo territorio per ucciderli. Intanto, su alcune pagine arabe di facebook, circolano alcuni "simpatici" aneddoti sul "ragazzo pazzo".

Le ultime dall’Egitto.

Gheddafi ha ritenuto gli egiziani responsabili della rivolta in Libia (per avere cioè dato ai suoi il brutto esempio) e ha dato ordine di cercarli nel territorio libico per ucciderli. Un pericolo soprattutto per le tribù che vivono al confine tra Egitto e Libia, i cui familiari sono partiti dal Cairo per aiutarli a trasferirsi nella capitale.

Le forze armate egiziane intanto fermano chiunque voglia andare in Libia, eccetto i camion con i medicinali di cui il popolo libico ha in questo momento estremamente bisogno. Al contrario le frontiere sono aperte per chi sta fuggendo dalla Libia e dalla Tunisia.

Gli Egiziani, già provati dalla rivolta in casa propria, continuano a non dormire sonni tranquilli temendo sviluppi apocalittici. “Quel pazzo di Gheddafi – dicono alcuni amici egiziani che ci tengono quotidianamente aggiornati – ritiene che tutto il  petrolio sia suo ed ha già bruciato alcuni pozzi”. Che il leader libico fosse pazzo, ci ricordano, lo diceva il presidente egiziano Sadat che lo chiamava appunto  “il ragazzo pazzo”. Ma sentite quali aneddoti simpatici (sempre ammesso che si possa sorridere dopo il genocidio compiuto in Libia) girano su Gheddafi in Egitto e tra i suoi concittadini.

Innanzitutto, che Gheddafi si ritiene l’emblema della democrazia basandosi sulla traduzione che dall’arabo egli da al termine democracy: Demo = continuare sempre e Keracy = governo. Quindi lui rimanendo al suo posto è un “democratico”. 

Sei sarebbero poi le parole chiave – vi sono su Facebook pagine in arabo che circolano sull’argomento – che sintetizzano il  Gheddafi pensiero: 1) La donna ha il diritto di eseguire gli ordini; 2) vi ho regalato l’energia elettrica altrimenti avreste visto la televisione al buio; 3) non sono un dittatore, tant’è vero che non chiudo Facebook ma uccido solo chi ne fa uso; 4) potete manifestare e dimostrare, ma non nelle strade o nelle piazze; 5) rimarrò in Libia fino all’ultimo giorno di vita; 6) bisogna onorare ed obbedire ai propri genitori.

Gheddafi intanto si trova ancora in Libia in un bunker protetto dai suoi fedelissimi. Tra i suoi nemici adesso anche Al Qaeda, e non si esclude che relativamente al quinto punto della sua filosofia egli non possa essere accontentato. Si spera tuttavia che prima di allora non combini altri irreparabili disastri.


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *